ITD srl è alla ricerca di tre Sviluppatori Software da inserire nel proprio Team di sviluppo!

 

ITD srl è alla ricerca di tre giovani sviluppatori software, anche prima esperienza, da inserire nel nostro Team di sviluppo per la sede di Almenno San Bartolomeo (BG).

  • Età compresa tra i 18 ed i 30 anni
  • Ottime capacità di problem solving e di adattamento
  • Forte motivazione alla crescita personale ed al lavoro in team
  • Completano il profilo eventuali conoscenze/esperienze in: HTML, sviluppo web, Microsoft.NET, Visual Basic, SQL Server, programmazione Android/iOS
  • Gradita buona conoscenza lingua inglese
  • E’ richiesta disponibilità immediata
  • Richiesta conoscenza di almeno una lingua straniera

La ricerca è egualmente rivolta a donne e uomini (L.903/77)

Ottieni il voucher digitalizzazione 2018

ITD è da sempre partner tecnologico a 360° affidabile e professionale per la crescita tecnologica di ogni realtà.

Perchè non sfruttare allora l’opportunità del bonus digitalizzazione, che permette alle piccole e medie imprese di beneficiare di un contributo economico, per l’adozione di interventi volti alla digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico per un massimo di 10.000 euro?

Scopri di più su questa opportunità visitando la nostra sezione dedicata

Tieni i tuoi files al sicuro con Remote Backup di ITD

Il remote backup di ITD consente di salvare una copia dei dati aziendali su un datacenter esterno per renderli al sicuro da eventuali virus

Remote Backup rappresenta la massima protezione ai cryptolocker, quei virus che se installati  rendono i file illeggibili senza prima pagare un riscatto.

Remote backup funziona in modo semplicissimo: verrà installato su un vostro pc o server un agente che in tempo reale copierà i vostri file in una datacenter esterno protetto e sicuro; in qualsiasi momento tramite il nostro servizio di Helpdesk potrai richiedere il ripristino totale o parziale dei dati.

Remote backup di ITD è affidabile, veloce, sicuro e completamente automatico: protegge da virus, ma anche da errori umani come cancellazioni accidentali.

Scegli tra le nostre offerte per mettere in sicurezza i tuoi dati:

  • Starter: 10 Gigabyte 7/30/60 giorni, salvataggio dati in data center e servizio Helpdesk dedicato
  • Pro: 50 Gigabyte 7/30/60 giorni, salvataggio dati in data center e servizio Helpdesk dedicato
  • Exclusive: 100 Gigabyte 7/30/60 giorni, salvataggio dati in data center e servizio Helpdesk dedicato

Il remote backup di ITD è la soluzione perfetta per proteggere i tuoi dati!

Per maggiori informazioni vai sul nostro sito dedicato  remote-backup.it 

remote backup di ITD

Postasemplice di ITD è il nuovo modo di gestire la posta elettronica

 

Postasemplice è il servizio di ITD pensato per una gestione semplice, affidabile e sicura della posta elettronica.

Postasemplice è pratico e conveniente ma soprattutto sicuro grazie alla nostra connessione crittografata per prevenire qualsiasi minaccia.

Il nostro sistema permette di bloccare Malware e Spam, assicurandovi la massima sicurezza e grazie all’interfaccia multi dispositivo garantisce un utilizzo ottimale su Outlook Professional e OutlookWebAccess.

Postasemplice ottimizza la produttività aziendale grazie alla  sincronizzazione integrata di mail, contatti, calendari, promemoria e note e permette una condivisione  ideale dello spazio di lavoro, il tutto senza limiti di dimensioni per gli allegati di posta.

Postasemplice è disponibile in tre diversi formati:

  • Postasemplice 5:  5 account email, spazio infinito per i tuoi allegati, assistenza H24
  • Postasemplice 10: 10 account email, spazio infinito per i tuoi allegati, assistenza H24
  • Postasemplice 50: 50 account email, spazio infinito per i tuoi allegati, assistenza H24

 

Innovativo, economico e veloce, Postasemplice ti fa scoprire la nuova era della posta elettronica.

Per maggiori informazioni vai sul nostro sito dedicato  postasemplice.com

 

 

Deloitte nei guai: sotto attacco la società di consulenza

E’ stato confermato l’attacco hacker a Deloitte: i dati di importanti clienti nelle mani dei criminali informatici

La più importante agenzia di consulenza al mondo Deloitte ha nelle ultime ore subito un attacco informatico; Secondo il Guardian molti progetti riservati sarebbero ora nelle mani degli hacker.

Secondo l’autorevole fonte a rischio sarebbero anche e-mail, allegati e indirizzi Ip di importanti clienti di Deloitte.

L’incursione non è stata negata da Deloitte che però si è subito preoccupata di ridimensionare l’allarme chiarendo che le vittime sarebbero molte di meno.

Secondo l’agenzia a subire l’attacco sarebbero solo aziende note e non clienti meno famosi, ma la versione non convince il Guardian che parla di un attacco informatico su larga scala a tutto il database.

Gli hacker avrebbero spostato diversi Gigabyte di materiale verso un server del regno unito con molta calma; L’attacco, durato molto tempo, è stato scoperto quando ormai era troppo tardi.

E’ impossibile quantificare i danni dell’attacco; nessun gruppo di pirati informatici lo ha ancora rivendicato, ma sembra certo l’obiettivo di monetizzare.

Davvero una pessima figura per Deloitte che tra i servizi vanta una divisione proprio dedicata alla sicurezza informatica con un importante fatturato nel settore.

Deloitte colpita da un attacco informatico

 

Fonte: www.ictbusiness.it

Nuovo piano dell’UE per migliorare la sicurezza informatica

Sicurezza Informatica: l’UE scende in campo con pene più severe e un’agenzia per corsi e certificazioni.

L’attuale strategia contro i criminali informatici dell’ Unione Europea risulta obsoleta e inadatta a contrastare gli oltre 4mila attacchi ransomware al giorno.

L’UE si è quindi convinta a cambiare il piano colmando le lacune. La volontà è quella di migliorare la fiducia di imprese e cittadini come sottolineato da Mariya Gabriel, Commissaria responsabile per l’Economia e la società digitali.

L’Europa collaborerà con gli altri continenti, ma è fondamentale -sottolinea ancora Gabriel- una cooperazione anche tra imprese dello stesso Paese.

L’attuale Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione verrà sostituita con una nuova che avrà il compito di assistere le imprese sia durante le crisi dovute agli attacchi, sia di aiutarle a prevenirli.

Su questo aspetto c’è da sottolineare un’importante novità del nuovo piano europeo: l’istituzione di corsi per insegnare alle imprese gli strumenti per migliorare la sicurezza informatica.

I virus sono sempre più aggiornati e pericolosi, per questo motivo nel 2018 verrà istituito un centro europeo con il compito di creare gli strumenti necessari alla protezione.

Non si esclude che in futuro la sicurezza informatica venga considerata pericolosa come un incendio o una calamità naturale.

Le competenze in ambito di sicurezza informatica sono sempre fondamentali, per questo sarà creata una piattaforma per l’istruzione di nuove professionalità.

Con il nuovo piano saranno inasprite le pene contro chi non rispetterà le norme di sicurezza imposte.

Fonte: www.repubblica.it

Un malware all’interno di CCleaner mette a rischio i dati degli utenti

Un pericoloso malware si nasconde all’interno di CCleaner, software per ottimizzare le prestazioni del pc.

Il noto software CCleaner, installato da milioni di utenti al mese, da agosto ha rilasciato una versione infetta da un malware.

Gli esperti di Talos sono stati i primi ad insospettirsi quando i loro dati venivano inviati a siti apparentemente inesistenti.

Il virus che si installa sul pc una volta scaricato il software apre una sorta di porta permettendo agli hacker di accedere al disco rigido.

Quello che preoccupa molto gli esperti è che criminali informatici sono riusciti ad inserire il malware in fase di sviluppo della versione ufficiale senza che nessuno se ne accorgesse.

E’ importante per l’utente conoscere le versioni infette per poter assumere i rimedi necessari; secondo gli esperti di Talos sono state violate le versioni v5.33.6162 a 32 bit e  v1.07.3191.

In caso abbiate installato queste due versioni è bene procedere con una scansione del pc tramite l’antivirus per verificare la presenza di malware, o comunque aggiornare il software alla nuova versione.

Se la scansione dovesse confermare la presenza di virus nel pc non resta che provare a ripristinarlo al 15 agosto o, nei casi estremi, formattarlo.

Fonte: www.fastweb.it

Spora: il nuovo Ransomware che spaventa gli esperti

Una nuova minaccia per gli internauti: Spora ruba i dati degli utenti e li costringe a pagare un riscatto.

La presenza dei ransomware non è una sorpresa per gli esperti di sicurezza informatica; eppure se ne aggiungono sempre di nuovi.

Una pericolosa novità sta entrando nel mondo dei virus informatici: Spora non è un ransomware come gli altri ma è molto più dannoso; esso prima colpisce la vittima rubando i suoi dati e spiandoli, poi pretende un riscatto in bitcoin.

E’ Molto simile a un virus del passato chiamato Cerber, un ransomware molto pericoloso perché si tutelava in caso l’utente non volesse pagare rubandogli le credenziali e quindi eventuali guadagni in bitcoin.

Spora è ancora più subdolo perché non lascia soluzioni alternative al pagamento del riscatto rubando anche i dati del backup: di conseguenza il riscatto è davvero l’ultima spiaggia per recuperare il proprio pc.

Tuttavia l’eventualità che un utente non paghi rimane alta e Spora si è voluta tutelare; infatti il virus è in grado di rubare le credenziali d’accesso ai siti internet a cui si è registrati e di spiare la cronologia.

Deep Instinct sottolinea come Spora sia attivo da agosto e si sia diffuso tramite un’accurata attività di Phishing via mail.

E’ sempre utile, quindi, avere una copia dei propri dati su un hard disk esterno, ma soprattutto non fidarsi ad aprire e-mail da mittenti sconosciuti.


Fonte: www.news.fidelityhouse.eu

OurMine mette sotto attacco Vevo: sottratti 3TB di dati

La nota piattaforma di video musicali si unisce alla lunga lista delle aziende colpite dai criminali informatici: rubati 3TB di dati

Sono ancora in corso le verifiche del caso, ma documenti, video e materiali promozionali per un valore di 3TB sono stati sottratti a Vevo nelle ultime ore.

Gli hacker avrebbero agito con successo tramite Linkedin, ma i dati degli utenti registrati a Vevo non sembrano a rischio.

Si conoscono i responsabili. Si tratta del gruppo OurMine che già in passato aveva dato parecchi grattacapi ad alcuni account Twitter come quelli di Netflix e Marvel.

OurMine si è sempre definito come diverso dagli altri gruppi di hacker agendo in buona fede per dimostrare alle imprese falle nella sicurezza e quindi offrire a loro soluzioni; non sempre però il fine giustifica i mezzi e rendere pubblici materiali privati per “educare” le aziende è parecchio discutibile.

Fonte: www.hdblog.it