Sicurezza informatica: i certificati TLS

I certificati TLS assicurano la credibilità di un sito garantendo una comunicazione sicura tra il server e il destinatario

Password e dati personali sono gli obiettivi principali degli hacker che, quasi quotidianamente, si mettono in moto per rubarli.

Quando l’utente utilizza i social network o il web fornisce alla rete degli indizi sui propri gusti o sul proprio stile di vita; grazie ad un’accurata ricerca social gli hacker sfruttano questi indizi per ingannare la vittima, che installa il virus.

Per contrastare questi attacchi possono essere utili i certificati TLS (Transport layer security) che garantiscono la sicurezza di un sito facendo si che utilizzi una connessione certificata e protetta.

Questi certificati sono utilizzati dai portali di Home Banking, dai social media e dai siti di posta elettronica per evitare attacchi di phishing.

I certificati TLS sono sempre più diffusi, tanto che il browser avvisa l’utente se sta visitando un sito dove sono presenti con un lucchetto vicino all’URL.

Il protocollo TLS si divide in due parti: la prima riguarda l’autenticazione del sito, la seconda alla cifratura della connessione dei dati scambiati tra la rete.

Il browser richiede il certificato TLS e, dopo le opportune verifiche certifica il sito come sicuro. Avviene quindi un vero e proprio controllo dell’identità e il certificato funge da documento di riconoscimento.

In questo modo l’utente può riconoscere se il sito al quale si è collegato è effettivamente quello desiderato, prima di fornire dati sensibili.

 

Fonte: www.tecnologia.libero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>