Biometria e sicurezza informatica: un binomio vincente

Non solo le impronte digitali, presto la biometria aiuterà a difenderci dagli attacchi informatici

Nonostante l’efficacia della doppia autenticazione presto potrebbe subentrare un metodo ancora più sicuro per difenderci dagli attacchi informatici: la biometria.

Grazie alla biometria un dispositivo informatico è in grado di riconoscere una persona dai suoi tratti fisiologici come impronte digitali o occhi.
La biometria si basa quindi su caratteristiche uniche dell’utente che viene riconosciuto grazie a dei sensori biometrici presenti nel dispositivo.

In futuro gli smartphone aumenteranno le loro capacità biometriche riconoscendo il proprietario anche dalla voce, dalla firma o più in generale dalla propria grafia.
Il semplice pin o la semplice password non sono più sufficienti per salvaguardare la sicurezza informatica soprattutto per banche e imprese.

Gli smartphone si sono subito adeguati introducendo il lettore di impronte digitali, ma va evidenziato che esistono diversi lettori: i più diffusi sono quelli touch posti nella parte posteriore del dispositivo; i sensori cliccabili invece permettono di accedere ad un’applicazione più velocemente.

Fonte: www.tecnologia.libero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>